I Love Visit Italy
Image default
Sardegna Travel

Olbia cosa si può vedere e cosa si può fare

La città di Olbia si trova nella zona della Sardegna nord-orientale. A partire dai monumenti storici più conosciuti fino ad arrivare alle spiagge con acque cristalline ecco una guida su cosa vedere ad Olbia in pochi giorni e come scoprire una Sardegna che non è fatta solo di sabbia e mare. In questa guida scoprirete tutti i segreti della costa nord-orientale e avrete un quadro completo delle migliori attività da fare.

Olbia è uno dei porti più attivi e fiorenti in Sardegna ed è considerata la porta di ingresso alla regione dalla Gallura. Si tratta di una città antica che nasconde tanta cultura e tradizione e che conserva ancora le testimonianze di un passato lontano quasi quattro mila anni.

Non tutti sanno che Olbia è l’antica capitale della Gallura e che custodisce un patrimonio unico nel suo genere che può essere visitato da tutti coloro che decidono di trascorrere qualche giorno alla scoperta di questa splendida città.

Ecco quindi che inizia il nostro tour tra il centro storico, il patrimonio culturale e artistico, le spiagge incontaminate e i dintorni di questa parte della Sardegna che molti ancora non conoscono.

Iniziamo a vedere come raggiungere l’isola e la città, cosa vedere, cosa mangiare e dove alloggiare per poter scoprire una nuova città e tutta la parte della Sardegna nord-orientale.

Come raggiungere Olbia

olbia 2

Il modo più semplice per raggiungere la città di Olbia arrivando sull’isola dall’Italia oppure dall’estero è quella di arrivare in aereo. In Sardegna ci sono tre aeroporti principali, quello di Olbia costa Smeralda, quello di Cagliari ed un altro ad Alghero. Per raggiungere la città di Olbia la scelta migliore sarebbe quella di prendere un volo diretto all’aeroporto Olbia-costa Smeralda in modo da essere il più vicini possibile alla destinazione finale.

I collegamenti dall’aeroporto alla città sono frequenti e ben organizzati. Inoltre, non è collegato solo con la città di Olbia ma anche con altre destinazioni turistiche dell’isola.

Il modo migliore per visitare l’isola dopo essere giunti all’aeroporto è quella di servirsi di Only Sardinia autonoleggio. Si tratta di un servizio noleggio auto Olbia aereoporto.

Oltre ad offrire un ampio servizio di auto Only Sardinia autonoleggio offre anche un servizio Pick-up dalla stazione marittima di Olbia. Per conoscere tutte le tariffe e programmare il noleggio prima di giungere sull’isola è sufficiente fare un giro sul loro sito internet e visitare la sezione domande frequenti.

Avere un’auto a disposizione è la scelta perfetta per chi desidera conoscere luoghi di interesse vicini alla città di Olbia e per chi vuole spostarsi per tutta l’isola durante la sua vacanza in Sardegna.

Un altro mezzo efficace per raggiungere la città è quello di utilizzare i trasporti marittimi che collegano la costa smeralda con alcune delle principali città italiane come Genova e Civitavecchia.

Una volta giunti al porto di Olbia sarà Only Sardinia autonoleggio ad occuparsi dei vostri spostamenti sull’isola.

Centro storico di Olbia

Una volta visto come raggiungere la città possiamo iniziare il nostro tour. Questo itinerario parte dal centro storico della città che è stato definito da molti visitatori una vera e propria bomboniera. Il centro è curato, pulito e pieno di vita.

Nelle stagioni più calde la città pullula di turisti che arrivano sull’isola da ogni parte d’Italia e dall’estero. È possibile approfittare del bel tempo per passeggiare nelle stradine più interne del centro storico e fermarsi a ristorarsi in uno dei tipici bar della città.

Olbia, pur essendo una città, conserva il fascino di un grande paese che si erge sul mare. È proprio il mare a donare un aspetto unico e caratteristico. I suoi abitanti amano la propria città e rispettano tutti i turisti che decidono di farsi stupire dalla caratteristica Olbia durante tutto l’anno.

Camminando nelle strade del centro storico vi allontanerete dalle vie principali ma potrete riscoprire vicoli pieni di odori, di case colorate, di fiori e di gente del posto accogliente e sorridente.

Nel centro storico le cose da vedere e i luoghi da scoprire sono tantissimi. Vediamo quindi come proseguire il tour perdendosi nella tradizione di questo posto in Sardegna.

Corso Umberto I

Addentrandosi nel centro storico non si può non andare a fare una passeggiata su Corso Umberto. Si tratta senza alcun dubbio del cuore pulsante della città, la via principale del centro storico che permette a tutti i visitatori di essere trasportati in un’altra epoca.

Corso Umberto è ricco di bar e locali nei quali fermarsi e ristorarsi con una bibita fresca o un bicchiere di buon vino. È circondato da case colorate e da negozietti per turisti, quindi è anche un ottimo posto in cui fare shopping e cercare i souvenir da portare a casa a chi ancora ad Olbia non ci è stato.

Gli edifici che si affacciano sul corso hanno tutti una storia antica, sono infatti palazzi nobiliari in stile Liberty e costruzioni che risalgono al periodo della dittatura fascista.

Per proseguire il tour del centro storico basterà seguire fino alla fine il Corso che vi condurrà a Piazza regina Margherita.

È una piazza molto caratteristica della città di Olbia sulla quale si affacciano edifici storici risalenti all’Ottocento. Nonostante abbia conservato questo fascino antico e nobiliare, adesso la piazza ospita tanti negozi e bar che accolgono i turisti che raggiungono la città da ogni parte.

La Basilica di San Simplicio e Necropoli

olbia 3

A pochi minuti a piedi da Corso Umberto è possibile visitare e conoscere la Basilica di San Simplicio che si trova a sua volta accanto alla Necropoli.

Sono due luoghi di interesse che vale la pena conoscere durante il soggiorno nella bella Olbia. La basilica è stato considerato come il più importante monumento religioso di questa parte della Sardegna. È stata costruita utilizzando uno stile romanico e il suo interno è in granito.

La caratteristica principale è che al suo interno è possibile vedere le reliquie di San Simplicio che sono state ritrovate nella cripta della Basilica intorno al 1600.

La zona della Necropoli è immediatamente accanto alla Basilica. Ospita più di quattrocento tombe che risalgono all’epoca romana. Si può visitare sia il museo che il sito archeologico dopo aver acquistato un biglietto del costo di circa 5 euro.

Oltre alla Basilica, Olbia ospita anche altre chiese e monumenti religiosi. Vale la pena di menzionare e di conoscere la Chiesa di San Paolo che ha uno stile barocco. Il suo interno è stato affrescato dal pittore Alberto Sanna ed ha un alto campanile che domina la città dall’alto.

Le chiese moderne sono invece quelle della Sacra Famiglia e la chiesa della Madonna delle Salette.

La fontana Trivenere

In un’altra delle famose piazze di Olbia, Piazza Matteotti, si trova una fontana molto famosa, la Trivenere di Varalto. Si tratta di una scultura e non ti una semplice fontana ed è stata realizzata da un’artista locale.

Il nome dell’artista è appunto Varalto, anzi Varalto era il suo soprannome. Colui che ha creato quest’opera d’arte si chiamava Salvatore Varrucciu. È possibile, durante il vostro soggiorno ad Olbia, visitare anche altre opere dell’artista informandosi sulle ceramiche Varalto.

La Piazza che ospita la sua fontana ospita anche altre sculture dell’artista. Si tratta di una sorta di museo gratis per tutti i visitatori di cui tutti i turisti e gli abitanti del posto possono godere.

Cosa vedere nei dintorni di Olbia, la Sardegna Nord-orientale

Una volta essere giunti in Sardegna e aver noleggiato un’auto con il servizio Only Sardinia autonoleggio, sarà molto più semplice spostarsi fuori città per scoprire delle zone naturali che meritano la pena.

Partiamo con dei consigli per un tour appena fuori Olbia alla scoperta della famosa Tomba dei Giganti sul Monte e’ S’abe.

È una zona della città ricca di vegetazione e natura incontaminata che ospita delle bellezze storiche e culturali uniche al mondo. La Tomba dei Giganti è un monumento funerario che risale a circa quattro mila anni fa. È una delle testimonianze della civiltà dei nuraghi in Sardegna. Si tratta di una delle numerose tombe risalenti allo stesso periodo storico che si possono visitare in questa zona della Gallura.

La tomba è lunga 28 metri per sei metri di larghezza ed ha la particolarità di essere simile alla testa di un toro se vista dall’alto. È possibile accedere a questo sito archeologico in totale libertà senza pagare alcun biglietto. Si raccomanda rispetto per il territorio e per ciò che questo monumento rappresentava in epoca antica.

Castello di Pedres

olbia 4

Vicino alla tomba dei Giganti, sempre un po’ fuori dalla città di Olbia si erge il Castello di Pedres. È in cima ad una collina e domina il territorio dall’alto. Per raggiungerlo bisogna fare un percorso a piedi lungo circa una decina di minuti. È un percorso con una gradinata molto ampia, adatta a qualsiasi tipo di turista.

È un castello medievale che venne costruito nel periodo Visconteo e che veniva utilizzato per difendere la città e i suoi dintorni contro gli Aragonesi. La pietra utilizzata per costruire il forte è la pietra sarda locale. Così come per la Tomba dei Giganti, anche l’ingresso al Castello è libero e gratuito. Da non perdere queste chicche storiche immerse nella natura e nella vegetazione dell’isola.

Scoprire la costa Smeralda

olbia 5

Soggiornando per qualche giorno ad Olbia non si può non fare un giro alla scoperta delle splendide spiagge della Costa Smeralda. È un tratto costiero lungo 55 km che costeggia tutta la Sardegna sul versante Nord-Est. I turisti alla scoperta di questa costa arrivano da ogni parte del mondo e ne restano estasiati.

La zona si estende da Capo Ferro fino al Golfo di Cugnana e con un po’ di organizzazione e con un’auto a disposizione è possibile visitare la maggior parte delle spiagge bianche e delle acque cristalline della Sardegna.

Uno dei luoghi più famosi della Costa è senza alcun dubbio Porto Cervo. È un luogo che è stato creato appositamente per attrarre turisti provenienti da tutto il mondo e per sviluppare il turismo di lusso. Ad oggi Porto Cervo è popolata da uomini d’affari e personaggi politici che decidono di passare lì le proprie vacanze con i loro yacht e le barche a vela.

La Piazzetta di Porto Cervo infatti è il luogo ideale se avete il desiderio di incontrare qualche celebrità in vacanza.

Ma la Costa Smeralda non finisce a Porto Cervo. È possibile anche visitare Baia Sardinia, una località di mare in cui rilassarsi scoprendo acque cristalline, buon cibo e artigianato sardo che è famoso anche all’estero.

In questa località è possibile anche programmare delle escursioni in barca per fare snorkeling e scoprire la fauna delle acque di questa zona della Sardegna. Inoltre, da Baia Sardinia si possono anche visitare le spiaggette vicine di Isola di Caprera che può essere raggiunta solo in barca.

L’isola della Maddalena

Se la vostra vacanza prevede di scoprire quanti più luoghi possibile allora non potete non andare all’isola della Maddalena. Non tutti sanno che si tratta di un arcipelago che si trova appunto nella zona nord-orientale della Sardegna.

Per raggiungere l’isola ci si potrà imbarcare direttamente da Baia Sardinia oppure da Poltu Quatu e Canniogione.

Da Porto Cervo partono escursioni di un giorno che permettono di visitare l’isola della Maddalena in poche ore e di ritornare poi al proprio alloggio. L’arcipelago della Maddalena è composto da 7 isole di cui solo due sono accessibili in auto. La Maddalena e Caprera infatti si possono raggiungere imbarcandosi con l’auto su uno dei tanti traghetti oppure sfruttando una delle tante escursioni organizzate in barca.

È la perfetta occasione per rilassarsi e scoprire un’altra parte molto famosa della Sardegna che ad avviso di tanti locali è ancora sottovalutata. Le isole della Maddalena secondo noi dovrebbero essere una tappa obbligata per chi decide di partire alla scoperta di Olbia e di tutto il territorio Nord-est della Sardegna.

Con Only Sardinia Autonoleggio non dovrete neanche pensare all’organizzazione degli spostamenti, potrete decidere l’itinerario che preferite e godervi il relax, il mare e la cultura che tutta l’isola ha da offrirvi.

Per altri consigli leggi il nostro blog.

Summary
Olbia cosa si può vedere e cosa si può fare
Article Name
Olbia cosa si può vedere e cosa si può fare
Description
Olbia: scopri cosa si può vedere e cosa si può fare nella splendida Olbia. Leggi la nostra guida sul blog di I Love Visit Italy.
Author
Publisher Name
I Love Visit Italy
Publisher Logo

Commenta questo post

Related posts

Vacanze in Sardegna: consigli utili su cosa visitare e cosa fare ad Arbatax

Pamela Reale

Il custode dell’isola di Budelli: intervista a Mauro Morandi

Pamela Reale

Vivere una vacanza nel Salento: i 5 luoghi più scelti

Pamela Reale