Lifestyle

Octopus: un videogame educativo “plasticfree”

Octopus: un videogame educativo "plasticfree"videogame plasticfree

Plastic free e videogame: si può educare attraverso un gioco?

Oggi vi voglio parlare di un progetto ambizioso legato al tema del plastic free; tutto il mondo si sta sensibilizzando a questa problematica sempre più attuale e sempre più urgente ed anche io. Personalmente consumo plastica in maniera esagerata; mi viene da pensare alle buste di latte, alle confezioni di tutto ciò che mangio il giorno, alle buste della spesa che quotidianamente butto e puntualmente penso a quanto inquinamento sto producendo in quel momento.

Per fortuna, oggi come oggi, ci sono in circolazione molte alternative alla plastica: le buste in stoffa per fare la spesa, le borracce in alluminio al posto delle classiche bottigliette d’acqua, allo stop dei bicchieri e dei piatti di plastica per cenare e pranzare. Se solo ognuno di noi dimezzasse l’uso di questi tre elementi avremmo già aiutato il pianeta in maniera stratosferica.

Per questo motivo vi presento, sul mio blog, Vincenzo Striano (il suo profilo Linkedin): uno sviluppatore italiano di giochi indipendente ed il suo ultimo progetto parla proprio di un problema che riguarda tutto il mondo, il famoso plastic free. Un messaggio duro ma trasmesso in maniera dolce e moderna attraverso un simpatico videogame al fine di educare soprattutto le giovani generazioni a questa problematica ma non solo.

Come si gioca ad Octopus?

E’ un polipetto che in modo ingenuo cerca di ripulire le acque inquinate, salvando altri animali e risolvendo rompicapi per trovare la soluzione al livello del gioco. I livelli di gioco ora sono soltanto tre, ma ogni settimana Vincenzo rilascia aggiornamenti e news sul sito ufficiale del gioco che è in inglese (per ora). Provate a giocarci è davvero carino e divertente.

La storia di Vincenzo e il suo sogno nel cassetto

Vincenzo è un ragazzo che si è trasferito in Germania, come tanti altri italiani, per realizzare il proprio sogno nel cassetto.

C’e’ un mio lato artistico che a parole non riesco a spiegare, allora lo riverso nei videogiochi che creo. Attualmente sono in Germania come falegname, nella mia citta’ in Italia e difficile trovare lavoro e ho dovuto provare una nuova esperienza. Dedico poche ore al giorno a legacy ma spero presto di tornare in patria e di realizzare il mio sogno e regalare nuove emozioni. Per me e’ importante lasciare un emozione nei videogiochi che creo, spero possa arrivare a piu’ persone possibili, con Octopus ho dei bei progetti e sto cercando di collaborare con campagne che si occupano di PlasticFree. Sto realizzando anche dei pupazzetti per i piu’ piccini, tutto a spese mie, vorrei regalare un sorriso e lasciare un messaggio importante alle generazioni future.

Cosa state aspettando? Giocate ad Octopus ed aiutate il piccolo polipo a pulire il mare e soprattutto condividete questo blog post sui vostri social per rendere virale questo ambizioso progetto e farlo conoscere a tutto il mondo.

Commenta questo post

Tiffany Miller

Tiffany Miller

FOUNDER & BLOGGER
Blogger italiana, copywriter, traveller. Laureata in Economia e Marketing ho aperto il mio blog il 1 aprile 2016 e da quel giorno non ho mai smesso di scrivere. Amo scrivere e promuovere il mio paese, l'Italia!
Leggi articolo precedente:
Come rendere compliant il tuo sito web al Gdpr: consigli e regole
Come rendere compliant il tuo sito web al Gdpr: consigli e regole

Rendere compliant (conforme) il tuo sito web al Gdpr, è un’urgenza che non ancora tutti hanno affrontato. Sono in molti...

Chiudi