I Love Visit Italy

I Love Visit Italy | Cosa vedere a Urbino

Pamela Reale

Urbino situata nel cuore delle Marche, è una gemma del Rinascimento italiano che offre ai visitatori un mix unico di storia, arte e cultura. La città, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è famosa per il suo ricco patrimonio architettonico e artistico, nonché per la sua vibrante atmosfera universitaria. Ecco una guida completa su cosa vedere a Urbino.

Continua a leggere per scoprire tutto su cosa vedere a Urbino e non perderti nulla di questa meravigliosa città!

cosa vedere a urbino 1

Dove si trova Urbino e come raggiungerla

Più precisamente, Urbino è posizionata nell’entroterra della provincia di Pesaro e Urbino, a circa 35 km a sud-ovest di Pesaro e a circa 70 km a nord-ovest di Ancona, il capoluogo regionale.

Urbino, con la sua ricca storia e il suo patrimonio culturale, è una destinazione imperdibile per chi visita le Marche. La sua posizione nel cuore della regione la rende accessibile e perfetta per esplorare anche altre meraviglie delle Marche.

Come Raggiungere Urbino

  • in auto: Urbino è facilmente raggiungibile in auto. Da nord, si può prendere l’autostrada A14 e uscire a Pesaro-Urbino, proseguendo poi sulla SS423 in direzione Urbino. Da sud, si può seguire la stessa autostrada e uscire a Fano, seguendo poi le indicazioni per Urbino.
  • in treno: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Pesaro, collegata con le principali città italiane. Da Pesaro, è possibile prendere un autobus che conduce direttamente a Urbino.
  • in autobus: ci sono linee di autobus che collegano Urbino con varie città delle Marche e con la stazione ferroviaria di Pesaro. L’autobus è un mezzo comodo e frequente per raggiungere Urbino.
  • in aereo: gli aeroporti più vicini sono l’Aeroporto di Ancona-Falconara (circa 90 km) e l’Aeroporto di Rimini (circa 80 km). Da entrambi gli aeroporti, è possibile prendere un treno o un autobus per raggiungere Urbino.

Cosa vedere a Urbino

Il palazzo Ducale

cosa vedere a urbino 2

Se siete arrivati fin qui è perché state cercando cosa vedere a Urbino. Partiamo ovviamente dal Palazzo Ducale. 

Il Palazzo Ducale è senza dubbio il cuore di Urbino. Costruito tra il 1444 e il 1472 sotto la direzione di Luciano Laurana e Francesco di Giorgio Martini, il palazzo è un capolavoro dell’architettura rinascimentale.

Non perdetevi la visita alla Galleria Nazionale delle Marche all’interno del palazzo, che ospita una collezione straordinaria di opere d’arte, tra cui capolavori di Piero della Francesca, Raffaello e Tiziano.

Casa Natale di Raffaello

cosa vedere a urbino 3

Urbino è il luogo di nascita di Raffaello Sanzio, uno dei più grandi artisti del Rinascimento. La casa natale di Raffaello è stata trasformata in un museo che conserva affreschi e opere d’arte legate alla vita e al lavoro dell’artista. È una tappa imperdibile per gli appassionati d’arte.

Visitare la Casa Natale di Raffaello è un’esperienza imperdibile per gli appassionati d’arte e per chiunque sia interessato a scoprire le radici di uno dei più grandi maestri del Rinascimento. Questo luogo affascinante offre un’intima immersione nella vita e nell’arte di Raffaello, permettendo ai visitatori di comprendere meglio il contesto in cui nacque e si formò il genio del pittore.

Raffaello nacque il 28 marzo 1483 in questa casa, che appartenne a suo padre Giovanni Santi, anch’egli pittore e poeta. La casa fu acquistata dalla famiglia Sanzio nel 1460 e Raffaello vi trascorse i primi anni della sua vita, prima di trasferirsi a Firenze e poi a Roma, dove avrebbe raggiunto la fama.

La casa mantiene molte delle sue caratteristiche originali del XV secolo, con stanze arredate in stile rinascimentale. Le pareti sono adornate con affreschi e decorazioni tipiche dell’epoca.

La stanza dove si presume sia nato Raffaello è uno dei punti salienti della visita. Qui si trova un affresco della Madonna col Bambino attribuito al giovane Raffaello.

La casa museo ospita una collezione di dipinti e disegni, tra cui alcune opere di Giovanni Santi e copie di opere di Raffaello. Sono esposti anche diversi documenti, manoscritti e oggetti personali che offrono uno spaccato sulla vita dell’artista e della sua famiglia.

La biblioteca della casa contiene una vasta raccolta di libri e documenti relativi alla vita e alle opere di Raffaello, oltre a testi di storia dell’arte rinascimentale.

La Casa Natale di Raffaello si trova in Via Raffaello, nel centro storico di Urbino. È facilmente raggiungibile a piedi da tutte le principali attrazioni della città.

Oratorio di San Giovanni Battista

Questo oratorio è famoso per gli affreschi tardo gotici di Lorenzo e Jacopo Salimbeni, che raffigurano scene della vita di San Giovanni Battista e la Crocifissione. La freschezza e la vivacità dei colori fanno di questi affreschi uno dei più bei capolavori del XV secolo.

L’Oratorio di San Giovanni Battista è uno dei gioielli nascosti di Urbino, noto per i suoi straordinari affreschi tardo gotici. Situato nel centro storico della città, questo oratorio è una tappa imperdibile per chiunque sia interessato all’arte e alla storia medievale e rinascimentale.

L’Oratorio di San Giovanni Battista si trova nel centro storico di Urbino, a pochi passi dalle principali attrazioni della città. È facilmente raggiungibile a piedi, permettendo ai visitatori di esplorare anche altri luoghi di interesse nelle vicinanze.

La principale attrazione dell’oratorio sono i superbi affreschi tardo gotici realizzati dai fratelli Lorenzo e Jacopo Salimbeni di San Severino Marche. Questi affreschi, completati intorno al 1416, sono considerati tra i capolavori della pittura gotica italiana.

  1. La Crocifissione:
    • Questo affresco domina la parete dietro l’altare. La scena della Crocifissione è rappresentata con una straordinaria intensità emotiva e un’attenzione ai dettagli che cattura l’osservatore. La freschezza dei colori e la complessità della composizione rendono quest’opera unica nel suo genere.
  2. Storie della Vita di San Giovanni Battista:
    • Le pareti laterali dell’oratorio sono decorate con scene della vita di San Giovanni Battista, che raccontano episodi significativi come la sua nascita, la predicazione, il battesimo di Cristo e il martirio. Ogni scena è ricca di dettagli e dipinta con colori vivaci che hanno mantenuto la loro brillantezza nel tempo.
  3. Altri Dettagli:
    • Gli affreschi includono anche dettagli affascinanti come paesaggi, architetture e figure di santi e angeli, che mostrano l’abilità dei fratelli Salimbeni nel creare narrazioni visive complesse e coinvolgenti.

L’oratorio è aperto ai visitatori, ma gli orari possono variare a seconda della stagione e degli eventi locali. È consigliabile verificare gli orari aggiornati prima della visita.

L’ingresso all’oratorio potrebbe prevedere un costo, con sconti disponibili per gruppi, studenti e anziani. Per apprezzare appieno la bellezza e la storia degli affreschi, si consiglia di partecipare a una visita guidata che fornisca contesto e approfondimenti sulle opere e sulla loro realizzazione.

Duomo di Urbino

cosa vedere a urbino 4

Il Duomo di Urbino, dedicato a Santa Maria Assunta, è un esempio magnifico di architettura neoclassica. Sebbene sia stato ricostruito nel XIX secolo dopo un terremoto, il Duomo conserva molte opere d’arte importanti, tra cui dipinti di Federico Barocci.

Il Duomo di Urbino, noto anche come Cattedrale di Santa Maria Assunta, è uno dei principali luoghi di culto e un significativo punto di riferimento storico e artistico della città. Situato nel cuore del centro storico, il Duomo si distingue per la sua architettura neoclassica e per le importanti opere d’arte che custodisce al suo interno.

La cattedrale ha una lunga storia che risale all’epoca medievale, ma l’edificio attuale è frutto di una ricostruzione avvenuta nel XVIII secolo. Le prime testimonianze del Duomo risalgono al IX secolo, con successive modifiche e ampliamenti nel corso dei secoli.

Dopo un devastante terremoto nel 1789 che danneggiò gravemente la struttura, il Duomo fu ricostruito in stile neoclassico dall’architetto romano Giuseppe Valadier. La ricostruzione terminò nel 1801, conferendo alla cattedrale l’aspetto attuale, caratterizzato da linee pulite e una maestosa facciata.

La facciata, semplice ma elegante, presenta un portico con colonne corinzie che conferisce al Duomo un aspetto imponente e armonioso. Il campanile, situato sul lato sinistro, completa il profilo della cattedrale.

L’interno del Duomo è altrettanto impressionante, con una navata centrale ampia e luminosa e cappelle laterali che ospitano importanti opere d’arte. L’ altare maggiore è il fulcro della cattedrale, ornato con eleganti decorazioni e un crocifisso ligneo di notevole bellezza.

Questa cappella è una delle più riccamente decorate, con affreschi e stucchi che esaltano la sua sacralità.

Il Duomo ospita diverse opere di Federico Barocci, uno dei maggiori artisti del Rinascimento. Tra le più celebri, vi è la “Ultima Cena“, un capolavoro che attira l’attenzione di studiosi e appassionati d’arte.

La cripta della cattedrale conserva reliquie e oggetti sacri di grande valore storico e religioso.

Il Duomo è aperto ai visitatori durante tutto l’anno, con orari variabili a seconda delle celebrazioni religiose e degli eventi speciali. È consigliabile controllare gli orari aggiornati prima della visita. L’ingresso alla cattedrale è generalmente gratuito, ma alcune aree specifiche, come la cripta, potrebbero prevedere un costo d’ingresso.

Per apprezzare appieno la storia e le opere d’arte del Duomo, è possibile partecipare a visite guidate disponibili in diverse lingue.

Il Duomo di Urbino si trova in Piazza Duca Federico, facilmente accessibile da qualsiasi punto del centro storico. La sua posizione centrale lo rende una tappa ideale durante una passeggiata tra le vie storiche della città.

Fortezza Albornoz

cosa vedere a urbino 5

La Fortezza Albornoz si trova in posizione elevata, dominando il centro storico di Urbino. È facilmente accessibile a piedi da qualsiasi punto della città, rendendo la visita comoda e affascinante.

La Fortezza Albornoz fu costruita tra il 1359 e il 1370 per volere del cardinale Egidio Albornoz, un importante ecclesiastico e diplomatico spagnolo al servizio del Papa. L’obiettivo principale della sua costruzione era quello di rafforzare il controllo papale sulla città di Urbino e garantire la sua difesa contro eventuali minacce esterne.

La fortezza presenta una pianta quadrangolare irregolare, con torri circolari e quadrangolari agli angoli, progettate per resistere agli attacchi nemici. La sua posizione elevata permette una vista panoramica mozzafiato sulla città e sulle colline circostanti.

All’interno, la struttura includeva originariamente alloggi per la guarnigione militare, depositi per le provviste e cisterne per l’approvvigionamento d’acqua, rendendola autosufficiente in caso di assedio.

Nel corso dei secoli, la Fortezza Albornoz ha avuto diversi utilizzi, da base militare a prigione. Durante il Rinascimento, sotto il dominio dei Montefeltro, fu trasformata in una residenza estiva per la nobiltà. Oggi, la fortezza è utilizzata per eventi culturali, mostre temporanee e spettacoli all’aperto, mantenendo viva la sua tradizione di luogo di aggregazione e di scoperta culturale.

La fortezza è aperta ai visitatori durante tutto l’anno, con orari che possono variare in base alla stagione e agli eventi in corso. È consigliabile verificare gli orari aggiornati prima della visita. L’ingresso alla fortezza potrebbe prevedere un costo, con tariffe ridotte disponibili per gruppi, studenti e anziani.

Una delle esperienze più suggestive è una passeggiata lungo le mura della fortezza, che offre panorami spettacolari sulla città di Urbino e sulle campagne circostanti.

Orto Botanico

L’Orto Botanico di Urbino è un’oasi verde situata nel cuore della città, offrendo un rifugio tranquillo e educativo per residenti e visitatori interessati alla flora locale e internazionale. Gestito dall’Università di Urbino, questo orto botanico è sia un centro di ricerca scientifica che un luogo di bellezza naturalistica.

L’Orto Botanico di Urbino ha una lunga storia che risale al 1817, quando fu fondato come parte dell’Università di Urbino. È uno dei più antichi orti botanici accademici in Italia e nel corso degli anni ha svolto un ruolo fondamentale nello studio e nella conservazione della biodiversità vegetale.

La missione principale dell’orto botanico è quella di promuovere la ricerca scientifica sulla flora locale e globale, nonché di educare il pubblico sulla conservazione ambientale e sull’importanza della biodiversità.

L’orto botanico ospita una vasta gamma di piante, sia autoctone che esotiche, provenienti da diverse parti del mondo. Le collezioni sono organizzate in base a criteri scientifici e didattici, offrendo agli visitatori la possibilità di esplorare e imparare sulla diversità vegetale.

Oltre alle piante all’aperto, l’orto botanico dispone di giardini tematici e serre specializzate, che includono habitat specifici come piante acquatiche, piante succulente, e piante medicinali.

Durante l’anno, l’Orto Botanico organizza eventi culturali, mostre di arte botanica, laboratori didattici per bambini e adulti, e visite guidate che approfondiscono temi botanici specifici.

L’Orto Botanico è generalmente aperto al pubblico durante il giorno, con orari che possono variare a seconda della stagione e delle attività in corso. L’ingresso potrebbe essere gratuito o prevedere un piccolo contributo, soprattutto per le visite guidate e le esposizioni temporanee.

L’Orto Botanico si trova in una posizione centrale a Urbino, facilmente accessibile a piedi da molte delle altre attrazioni principali della città.

Teatro Sanzio

Il Teatro Sanzio è uno dei gioielli culturali di Urbino, situato nel centro storico della città. Conosciuto per la sua bellezza architettonica e la sua storia, il teatro rappresenta un importante punto di riferimento per le arti dello spettacolo nelle Marche e oltre.

Il Teatro Sanzio fu inaugurato nel 1853, prendendo il nome da Raffaello Sanzio, celebre figlio di Urbino. La costruzione del teatro rappresentò un importante momento di rinnovamento culturale per la città.

Il teatro presenta uno stile architettonico neoclassico, tipico del XIX secolo, con una facciata elegante e proporzioni armoniose. L’interno è decorato con stucchi, affreschi e dettagli ornamentali che evocano l’eleganza dell’epoca.

Il Teatro Sanzio ospita una variegata programmazione artistica che include opere liriche, balletti, concerti, pièce teatrali, e spettacoli di varietà. È un luogo che accoglie artisti locali e internazionali, contribuendo alla vivacità culturale della regione.

Oltre alla stagione regolare, il teatro ospita eventi speciali come festival di teatro, rassegne cinematografiche, e conferenze culturali. Questi eventi arricchiscono l’offerta culturale di Urbino, attirando pubblico da tutto il territorio circostante.

Il Teatro Sanzio non è solo un luogo di spettacolo, ma anche un pilastro della cultura locale. Offre agli abitanti di Urbino e ai visitatori l’opportunità di partecipare a esperienze artistiche uniche, contribuendo al dialogo culturale e all’arricchimento della comunità.

Il Teatro Sanzio di Urbino rappresenta un esempio eccellente di come l’arte e la cultura possano arricchire una comunità. Con la sua storia affascinante, la sua architettura elegante e una programmazione artistica diversificata, il teatro continua a essere una destinazione imperdibile per chiunque visiti Urbino, offrendo momenti indimenticabili di intrattenimento e ispirazione culturale.

Università di Urbino

cosa vedere a urbino 6

L’Università di Urbino “Carlo Bo” è un prestigioso istituto di istruzione superiore situato nella città rinascimentale di Urbino, nelle Marche, Italia. Fondata nel 1506, l’università ha una lunga storia di eccellenza accademica e contributi significativi alla cultura e alla ricerca.

L’Università di Urbino fu fondata nel 1506 dal Duca Guidobaldo da Montefeltro, signore di Urbino, con il nome di “Collegio dei Dottori”. Successivamente, nel 1671, divenne “Collegio dei Dottori e degli Studenti”.

Nel XX secolo, l’università conobbe una rinascita significativa grazie all’istituzione di nuovi corsi di laurea e al rafforzamento della ricerca scientifica e umanistica. Nel 1965, l’università prese il nome dell’eminente filosofo e storico urbinate Carlo Bo.

L’Università di Urbino offre una vasta gamma di corsi di laurea triennali, magistrali e corsi di dottorato in diverse discipline umanistiche, scientifiche, economiche e sociali. Tra le facoltà più importanti vi sono quelle di Lettere e Filosofia, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Economia, Giurisprudenza e Scienze Politiche.

L’università è attivamente impegnata nella ricerca scientifica e accademica, promuovendo progetti di ricerca interdisciplinari e collaborazioni internazionali. Numerosi dipartimenti e centri di ricerca contribuiscono al progresso delle conoscenze in vari campi del sapere.

L’Università di Urbino non solo contribuisce alla formazione accademica e professionale degli studenti, ma svolge anche un ruolo fondamentale nella vita culturale e sociale della città e delle Marche. Grazie alla sua reputazione internazionale e alla qualità della sua istruzione, attira studenti da tutto il mondo, arricchendo il dialogo interculturale e promuovendo lo sviluppo socio-economico della regione.

Piazza della Repubblica

La Piazza della Repubblica è il cuore pulsante della vita sociale di Urbino. Circondata da caffè, ristoranti e negozi, è il luogo ideale per una pausa rilassante, dove osservare la vita cittadina e gustare un buon caffè o un gelato.

Piazza della Repubblica è circondata da edifici storici risalenti all’epoca rinascimentale. Gli edifici presentano facciate eleganti, portici antichi e dettagli architettonici che testimoniano l’importanza storica e culturale della città durante il periodo.

Uno degli edifici più imponenti che si affaccia sulla piazza è il Palazzo Ducale, un capolavoro dell’architettura rinascimentale italiana. Al centro della piazza si erge la Torre dell’Orologio, un simbolo di Urbino. Questa torre medievale, alta circa 30 metri, domina la piazza e offre una vista panoramica sulla città e sulle colline circostanti.

La piazza ospita regolarmente mercati locali, festival culturali e eventi artistici che animano la città. Queste occasioni sono l’occasione perfetta per immergersi nella cultura locale e interagire con la comunità urbinate.

Durante l’anno, Piazza della Repubblica è spesso il cuore delle manifestazioni storiche e delle celebrazioni legate alla storia di Urbino, come rievocazioni medievali e rinascimentali che attraggono visitatori da tutto il mondo.

Conclusione

Urbino è una città che incanta per la sua bellezza e il suo fascino storico. Ogni angolo della città racconta una storia, e la sua atmosfera vibrante e accogliente la rende una destinazione perfetta per chi ama l’arte, la storia e la cultura. Pianificate una visita a Urbino e lasciatevi affascinare dalla magia del Rinascimento italiano.

Summary
Cosa vedere a Urbino
Article Name
Cosa vedere a Urbino
Description
Cosa vedere a Urbino: la guida completa del 2024 su cosa non perdere nella città del Rinascimento!
Author
Publisher Name
I Love Visit Italy
Publisher Logo

Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza. Pensiamo tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi negarne il consenso. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy